Diventa rivenditore, è semplice:
01

Chiamaci al numero
+39 02 3105 9294

02

Contattaci subito in chat qui

03

Apri un ticket di tipo commerciale qui

Contattaci

attivo da Lunedì a Venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18
per comunicazioni in differente orario, compila il modulo. Risponderemo il prima possibile.

    senza categoria

    Le elezioni americane che mettono di fronte i Repubblicani, guidati da Donald Trump e i democratici di Hillary Clinton sono ormai alle porte. Tra i tanti argomenti trattati nelle convention, ma sopratutto negli scontri televisivi tra i due candidati si è parlato spesso di sicurezza informatica.

    Come abbiamo indicato in un precedente post, gli USA sembrano essere abbastanza preoccupati di una possibile minaccia hacker russa. Ma non ci sono solo minacce su larga scali. Anzi, è stato proprio uno dei maggiori esponenti del partito guidato dalla Clinton a subire il furto dei propri dati personali da parte di una delle novità degli ultimi giorni: il Phishing utilizzando un apparente account google.

    gmail phishing

    Questo è solo un esempio di ciò che ha realmente colpito John Podestà, presidente della campagna elettorale dei democratici. Come indicato nell’articolo pubblicato da Vox, John ha ricevuto una mail che ha considerato sospetta. Dopo averla girata al proprio responsabile IT, è successo il fattaccio. La buona fattura della mail ha ingannato anche l’esperto, che ha dato il via libera per il fittizio cambio password.

    Oltre a dimostrare che nessuno, neanche i professionisti del settore, sia totalmente immune dalle tecniche dei malviventi informatici che affinano costantemente le loro capacità, questo evento mette in chiaro la necessità di un sistema di prevenzione, sopratutto per quanto riguarda la diffusione dei dati personali.

    Per capirci, il furto ai danni di John Podestà potrebbe aver dato il via al MailGate che sembra mettere a rischio la vittoria dei democratici (come indicato nell’articolo di Fortune), fino a qualche mese fa data per certa.

    Non smettere mai di ripeterti e ripetere ai tuoi colleghi questi semplici passaggi, spesso dimenticati oppure messi in secondo piano, ma che possono salvarti da grossi problemi:

    • Controlla sempre il mittente delle mail
    • Diffida dalle richieste di cambio password che non derivino da una tua richiesta diretta
    • Nel dubbio, NON APRIRE LINK E ALLEGATI e rivolgiti immediatamente all’assistenza del servizio
    • Mantieni costantemente aggiornato il tuo antivirus, per permettergli di prevenire i danni

    Avangate raccomanda la massima allerta per non cadere nella rete dei “pescatori di frodo” di dati personali. Che tu sia un impiegato, o un importante politico americano.

    Leave a comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com